Crea sito

Torna sulla scena Roberto Angelini con un nuovo brano, “INCOGNITA”

Una qualità, mix tra parole e musica, a cui Roberto Angelini ci aveva abituati. Una qualità che non si è persa nel tempo, al contrario, il tempo ce la offre approfondita e intensa. Mancava dalla scena musicale italiana e ancor più indipendente

Comunicato:

Un ritorno delicato, intimo, quasi in punta di piedi per il cantautore, che con questo brano rilascia il primo tassello di avvicinamento al suo prossimo album di inediti.

È datato 2011 l’ultimo lavoro a suo nome, uscito per la propria etichetta indipendente FioriRari. Nel mezzo sono accadute tante cose: infinite collaborazioni con moltissimi artisti, tra le più recenti la firma come co-produttore dell’ultimo pluripremiato album di Niccolò Fabi “Tradizione e Tradimento” e quella di produttore del primo disco di Margherita Vicario. E ancora, numerosi progetti paralleli, tra i più fortunati quelli legati a Nick Drake – un album, un tour, un documentario – e una carriera televisiva ormai quasi decennale, intrapresa dapprima su Rai3 con “Gazebo”, poi su La7 con “Propaganda Live”.

Così lo stesso Angelini spiega il brano

“Incognita” nasce da un giro di chitarra figlio di alberghi e camerini frequentati durante il tour di “Ecco” di Niccolò Fabi nel 2013.

È figlio della mia grande passione per Nick Drake e prende spunto da una particolare accordatura che il cantante inglese usava frequentemente.

“Incognita” è rimasta negli hard disk per qualche anno e al momento di comporre una valida rosa di brani per il mio nuovo disco, mi è sembrata perfetta per iniziare il percorso.

La continua ricerca di sé, l’assenza di sicurezze, l’incognita romantica che, da sempre, è la scintilla che accende il processo creativo.

Rappresenta benissimo quello che sono e che ho fatto in questi anni e possiede la giusta delicatezza per essere l’inizio di un viaggio che sarà, canzone dopo canzone, molto più complesso.

Etichetta: FioriRari

CREDITI BRANO

Incognita (R. Angelini)

Roberto Angelini: voce, chitarra acustica, lapsteel, piano.

Daniele “Coffe” Rossi: organo

Registrato da Daniele “Coffe” Rossi e Francesco Leporatti tra il Vacuum Studio e il Verde Studio di Roma.

Missato da Francesco Leporatti al Verde Studio

Masterizzato da Giovanni Versari

CREDITI LYRIC VIDEO

Illustrazione e Animazione: Gianluca Maruotti

Editing and Post Produzione: Gabriele Maruotti

Roberto Angelini è un autore, chitarrista e produttore dall’incredibile talento: già vincitore del Premio della Critica “Mia Martini” al Festival di Sanremo nel 2001, nei primi anni duemila si fa conoscere dal grande pubblico con alcuni singoli divenuti delle vere e proprie hit (“GattoMatto” e “La Gioia del Risveglio”).

Roberto Angelini ha all’attivo quattro album a suo nome e una prolifica attività autoriale.

Classe ‘75 fa il suo esordio come cantautore nel 2001 con l’album “Il Signor Domani” (Virgin).

Partecipa a Sanremo Giovani nello stesso anno con l’omonimo brano e si aggiudica il Premio della Critica “Mia Martini”.

Nel 2003 pubblica l’album “Angelini” (EMI) che contiene le hit “GattoMatto” e “La Gioia del Risveglio”.

Questo disco, molto più pop del precedente, lo fa conoscere al grande pubblico.

Da lì a poco sente l’esigenza di tornare alle origini: rompe il contratto con la EMI e fonda una sua etichetta indipendente (FioriRari).

Pubblicherà con la FioriRari due dischi a suo nome, “La Vista Concessa” (2009) e “Phineas Gage” (2011).

Nel frattempo riprende con più interesse l’attività di musicista diventando molto richiesto per il suo personale modo di suonare la lapsteel (Fabi, Silvestri, Gazzè, Planet Funk, Fabrizio Moro, Emma Marrone, Orchestraccia).

Nascono vari progetti paralleli.

I più fortunati e longevi sono “Discoverland”, duo fondato con il cantautore Pier Cortese che si diverte a reinterpretare e miscelare brani del passato e del presente, e un duo nato insieme al violinista Rodrigo D’Erasmo per celebrare e divulgare un artista cult come Nick Drake.

Da qui prenderà vita un disco, “Pong Moon”, che darà origine a una moltitudine di eventi e collegamenti che perdurano ancora oggi (ad esempio il documentario “Songs in a conversation” diretto da Giorgio Testi, presentato nel settembre 2019 al Festival del Cinema di Roma e tuttora in programmazione su Sky Arte).

Come produttore fa muovere i primi passi nella discografia ad artisti come Margherita Vicario, Andrea Rivera e Luca Carocci.

Firma come co-produttore il fortunato e pluripremiato album di Niccolò Fabi “Tradizione e Tradimento” (2019), partecipando anche al lungo tour di presentazione del disco, come membro stabile della band.

Come autore scrive il brano “Calore” che lancia, con la vittoria di “Amici” nel 2010 la carriera di Emma Marrone.

Dal 2013 consacra la sua popolarità al fianco di Diego “Zoro” Bianchi, dapprima su Rai3 con la trasmissione “Gazebo” poi su La7 con “Propaganda Live”.

Attualmente è al lavoro per ultimare il suo quinto disco da cantautore, in uscita nel 2021 per l’etichetta FioriRari.